Drupal blog posts https://ihpalermo.com/ en Are you a media multitasker? https://ihpalermo.com/multitasker <span>Are you a media multitasker? </span> <span><span lang="" about="/user/1" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="" content="m.faldetta@ihpalermo.it">m.faldetta@ihp…</span></span> <span>Sat, 04/30/2022 - 10:23</span> <div class="field field--name-field-image-blog field--type-image field--label-hidden field--item"> <img src="/sites/default/files/styles/large/public/2022-04/Multitasker.png?itok=OV_UD-56" width="480" height="376" alt="The IH multitasking Octopus" typeof="foaf:Image" class="img-responsive" /> </div> <div class="field field--name-body field--type-text-with-summary field--label-hidden field--item"><p>Ti capita spesso di: rispondere ad una mail mentre navighi in Internet? Di parlare al telefono mentre chatti con i tuoi amici? Di guardare la TV e controllare di sottecchi il telefonino?</p> <p>Allora sei un abituale multitasker mediale. Ossia sei capace di spostare l'attenzione tra le diverse fonti mediatiche con una rapidità tale da non accorgerti del passaggio.</p> <p>Ma questo fenomeno cosa produce sul funzionamento della nosta mente?</p> <p>I ricercatori al riguardo sono divisi tra chi (minoranza) ne ravvisa vantaggi e benefici e chi invece (maggioranza) ritiene che il multitasking produca effetti negativi.</p> <p>Per i primi, i multitasker possono svolgere tutte le attività più velocemente e aumentare l'efficienza. Sono in grado di dosare la loro attenzione e di collegare in modo originale idee e informazioni tra loro diverse e le loro performance sono genralmente più creative di quelle del monotasking.</p> <p>Per i secondi, i multitasker raggiungono risultati scolastici, universitari o lavorativi, normalmente inferiori. Possono avere disturbi emotivi come ansia e depressione o anche alterazioni della memoria, della concentrazione, dell’attenzione e persino del quoziente intellettivo (QI).</p> <p>Per ottenere buoni risultati è sempre utile darsi una buona regolata. Come? <strong>Pianificando</strong> il più possibile la giornata, completando il singolo compito prima di passare all’altro, rimandando l’accesso alle distrazioni digitali. Anche oggi è inevitabile essere multitasking, imparare ciclicamente a staccare la spina aiuta a vivere meglio.</p></div> Sat, 30 Apr 2022 10:23:13 +0000 m.faldetta@ihpalermo.it 140 at https://ihpalermo.com https://ihpalermo.com/multitasker#comments Is the neighbour's grass greener on the other side? https://ihpalermo.com/greener <span>Is the neighbour&#039;s grass greener on the other side?</span> <span><span lang="" about="/user/1" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="" content="m.faldetta@ihpalermo.it">m.faldetta@ihp…</span></span> <span>Thu, 12/02/2021 - 17:54</span> <div class="field field--name-field-image-blog field--type-image field--label-hidden field--item"> <img src="/sites/default/files/styles/large/public/2021-12/Greener.png?itok=mrG1mESP" width="480" height="279" alt="Is grass is greener on the other side?" typeof="foaf:Image" class="img-responsive" /> </div> <div class="field field--name-body field--type-text-with-summary field--label-hidden field--item"><p>L'idea che nel campo del vicino ci sia qualcosa di meglio che noi non abbiamo e che vorremmo avere è una metafora che in molti paesi, tra cui il nostro, denota invidia. Essa nasce dal confronto perdente con gli altri: per esempio verso il compagno che prende voti migliori dei nostri. L’invidia può riguardare  beni materiali, qualità caratteriali, intellettive, e così via.</p> <p>Può avere un  lato benevolo?<br /> Certamente si! Specialmente se ci da la spinta giusta a migliorarci. Più spesso però l’invidia  suscita pensieri negativi. Può, infatti, scatenare sentimenti di rabbia, frustrazione, vergogna, senso di inadeguatezza, disperazione, ecc. Può, addirittura, diventare una terribile arma per screditare, ferire, offendere gli altri. Ad es.parlare alle spalle di qualcuno.<br /> Sapere cosa provoca questo sentimento malevolo  è premessa fondamentale per capire come gestirla, e soprattutto cancellarne  gli effetti tossici. Occorre, perciò, indagare a fondo dentro noi stessi per capire l'essenza dell’insoddisfazione e rimuovere tutti gli ostacoli che non consentono un confronto sereno e appropriato con i propri punti di forza e di debolezza.</p> <p>L'invidia può essere vinta? Si. Come? Avendo maggiore fiducia in noi stessi e accettandoci per come siamo, con i nostri limiti ed  errori. Dunque, smettiamo l’odiosa compararazione con gli altri e impariamo a sfruttare le immense potenzialità di cui siamo dotati. In fin dei conti, nulla si ottiene senza lavoro, pazienza e sacrificio.</p></div> Thu, 02 Dec 2021 17:54:00 +0000 m.faldetta@ihpalermo.it 135 at https://ihpalermo.com You can't teach an old dog new tricks https://ihpalermo.com/olddog <span>You can&#039;t teach an old dog new tricks</span> <span><span lang="" about="/user/1" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="" content="m.faldetta@ihpalermo.it">m.faldetta@ihp…</span></span> <span>Thu, 11/11/2021 - 19:19</span> <div class="field field--name-field-image-blog field--type-image field--label-hidden field--item"> <img src="/sites/default/files/styles/large/public/2021-11/AN%20old%20dog.png?itok=hnZN-bNs" width="480" height="480" alt="you can&#039;t teach an old dog new tricks" typeof="foaf:Image" class="img-responsive" /> </div> <div class="field field--name-body field--type-text-with-summary field--label-hidden field--item"><p><strong>"You can't teach an old dog new tricks"</strong> Così dicono gli inglesi per indicare una persona che non è disposta ad imparare qualcosa di nuovo. Ma International House non è d'accordo! Non è mai troppo tardi per imparare. Si dice che da bambini e più facile imparare, perchè il cervello è come una spugna e che gli adulti hanno maggiori difficoltà.</p> <p>Sarà vero? Forse può risultare più difficile raggiungere la fluidità di chi parla una lingua straniera ogni giorno. Quando l'inglese è la seconda o terza o quarta lingua, non serve essere perfetti, basta avere una buona capacità di comunicare. Con il tempo si può sempre affinare la propria competenza. La voglia di apprendere, concentrarsi nello studio, e migliorare cresce man mano si va avanti.</p> <p>È possibile imparare una seconda lingua a qualsiasi età. L’apprendimento non sarà più difficile, sarà diverso. </p> <p>Basta tanta voglia di imparare!</p></div> Thu, 11 Nov 2021 19:19:26 +0000 m.faldetta@ihpalermo.it 134 at https://ihpalermo.com Back to School Rules for September! https://ihpalermo.com/backtoschool <span>Back to School Rules for September!</span> <span><span lang="" about="/user/1" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="" content="m.faldetta@ihpalermo.it">m.faldetta@ihp…</span></span> <span>Tue, 08/24/2021 - 14:28</span> <div class="field field--name-field-image-blog field--type-image field--label-hidden field--item"> <img src="/sites/default/files/styles/large/public/2021-08/BackToSchool.png?itok=_mfjpm7M" width="480" height="339" alt="back to school rules - le regole per il rientro a scuola sintetizzate dal corriere della sera" typeof="foaf:Image" class="img-responsive" /> </div> <div class="field field--name-body field--type-text-with-summary field--label-hidden field--item"><p><span><span><span><strong>Quando ricomincia la scuola?</strong></span></span></span></p> <ul><li><span><span><span>Le scuole riaprono il primo settembre 2021, ma gli studenti tornano in classe per la maggior parte il 13. Gli esami di riparazione alle superiori si svolgono in genere all’inizio del mese, ma alcune scuole li anticipano alla fine di agosto.</span></span></span></li> </ul><p><span><span><span><strong>A scuola si usa la mascherina?</strong></span></span></span></p> <ul><li><span><span><span>Sì, dai sei anni in su è obbligatorio l’uso di mascherine chirurgiche anche al banco. Nelle scuole materne le useranno soltanto gli insegnanti. Nelle classi in cui ci sono studenti non udenti si useranno mascherine trasparenti. </span></span></span></li> </ul><p><span><span><span><strong>Le scuole le distribuiranno come lo scorso anno?</strong></span></span></span></p> <ul><li><span><span><span>Sì, è previsto anche per quest’anno che le scuole distribuiscano mascherine chirurgiche per gli studenti e per il personale.</span></span></span></li> </ul><p><span><span><span><strong>C’è ancora il vincolo della distanza di un metro tra banco e banco?</strong></span></span></span></p> <ul><li><span><span><span>Il distanziamento di un metro non è più obbligatorio ma soltanto raccomandato. Dove non ci sia sufficiente spazio, si può derogare purché si mantengano le altre misure sanitarie. Tra banco e cattedra è previsto un distanziamento di due metri ove possibile. </span></span></span></li> </ul><p><span><span><span><strong>Si misura la temperatura all’ingresso?</strong></span></span></span></p> <ul><li><span><span><span>No, la temperatura va misurata a casa</span></span></span></li> </ul><p><span><span><span><strong>Il green pass è obbligatorio?</strong></span></span></span></p> <ul><li><span><span><span>Sì, ma soltanto per il personale scolastico. Chi non è vaccinato e non ha l’esenzione deve sottoporsi a tampone ogni 48 ore. </span></span></span></li> </ul><p><span><span><span><strong>Chi paga il tampone?</strong></span></span></span></p> <ul><li><span><span><span>Il tampone è a carico del personale a meno che si tratti di persone fragili che non possono essere vaccinate</span></span></span></li> </ul><p><span><span><span><strong>Chi controlla il green pass?</strong></span></span></span></p> <ul><li><span><span><span>Deve essere il preside o un suo delegato. Secondo le norme attuali va controllato ogni giorno, ma il ministero e il garante della Privacy stanno lavorando per trovare una soluzione più semplice per il controllo.</span></span></span></li> </ul><p><span><span><span><strong>Cosa succede se un insegnante non ha il green pass?</strong></span></span></span></p> <ul><li><span><span><span>Dal primo settembre al 31 dicembre non potrà entrare a scuola. E se non provvede entro quattro giorni viene sospeso dall’incarico e resta senza stipendio. Un supplente potrà essere chiamato soltanto a partire dal quinto giorno di assenza.</span></span></span></li> </ul><p><span><span><span><strong>Solo gli insegnanti dovranno avere il green pass?</strong></span></span></span></p> <ul><li><span><span><span>No, anche tutti coloro che entrano in una scuola, assistenti, personale anche amministrativo, addetti alla mensa o ad altre attività.</span></span></span></li> </ul><p><span><span><span><strong>Ci saranno turni differenziati di ingresso e uscita per gli studenti?</strong></span></span></span></p> <ul><li><span><span><span>Sì, sono previsti per evitare assembramenti sui mezzi pubblici e all’ingresso e all’uscita da scuola. Si decide zona per zona.</span></span></span></li> </ul><p><span><span><span><strong>Si potrà fare ginnastica in palestra?</strong></span></span></span></p> <ul><li><span><span><span>Sì, ma in caso di attività fisica al chiuso bisognerà preferire sport individuali e cercare di mantenere il distanziamento. </span></span></span></li> </ul><p><span><span><span><strong>Il servizio mensa è garantito? </strong></span></span></span></p> <ul><li><span><span><span>Sì, ma dovranno essere fatti dei turni per mantenere il distanziamento tra gli studenti durante i pasti.</span></span></span></li> </ul><p><span><span><span><strong>Sono previste misure per il ricambio dell’aria in classe?</strong></span></span></span></p> <ul><li><span><span><span>Il consiglio del ministero è quello di tenere le finestre aperte. Alcune scuole si sono dotate di apparecchi filtranti, ma l’iniziativa è lasciata ai singoli istituti. Il governo ha stanziato dei fondi.</span></span></span></li> </ul><p><span><span><span><strong>I genitori possono entrare a scuola?</strong></span></span></span></p> <ul><li><span><span><span>Un solo genitore può accompagnare il figlio davanti alla scuola. Gli ingressi devono essere ridotti al minimo. I colloqui con gli insegnanti si svolgeranno online.</span></span></span></li> </ul><p><span><span><span><strong>Se c’è un caso di Covid in classe, un alunno va in quarantena anche se è vaccinato?</strong></span></span></span></p> <ul><li><span><span><span>Sì, ma solo per 7 giorni (i non vaccinati per dieci giorni). Dovrà comunque sottoporsi al tampone. Sarà la Asl a predisporre la procedura per la classe. In caso di focolaio, si può decidere di chiudere la scuola.</span></span></span></li> </ul><p><span><span><span><strong>Ci potrà essere ancora la Dad?</strong></span></span></span></p> <ul><li><span><span><span>Il governo ha stabilito come priorità che le lezioni siano in presenza. In caso di contagio in classe, però, si riattiva la Dad per gli studenti che devono essere messi in isolamento preventivo. Se ci sono focolai o l’area in cui è situata la scuola va in zona arancione e rossa, ricominceranno le chiusure mirate anche delle scuole.</span></span></span></li> </ul><p><span><span><span><strong>Sono previste campagne di tamponi nelle scuole per tracciare i contagi?</strong></span></span></span></p> <ul><li><span><span><span>L’I</span></span></span>stituto Superiore di Sanità<span><span><span> sta studiando un piano per fare tamponi di massa. Ma per ora sono le regioni a organizzare campagne soprattutto per i più piccoli che non si possono vaccinare.</span></span></span></li> </ul></div> Tue, 24 Aug 2021 14:28:55 +0000 m.faldetta@ihpalermo.it 130 at https://ihpalermo.com Gli elefanti non hanno bisogno di Soft Skills. E tu? https://ihpalermo.com/node/127 <span>Gli elefanti non hanno bisogno di Soft Skills. E tu?</span> <span><span lang="" about="/user/63" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="">giuliana</span></span> <span>Thu, 07/29/2021 - 17:13</span> <div class="field field--name-field-image-blog field--type-image field--label-hidden field--item"> <img src="/sites/default/files/styles/large/public/2021-07/1%20%281%29.png?itok=I-cJmVTU" width="480" height="480" alt="Gli elefanti non hanno bisogno di soft skills. E tu?" typeof="foaf:Image" class="img-responsive" /> </div> <div class="field field--name-body field--type-text-with-summary field--label-hidden field--item"><p><span><span><span><span><span><span><span>Al giorno d'oggi tutti sappiamo quanto sia importante acquisire le </span></span></span></span></span></span></span><span><span><span><span><span><em><span>Hard Skills</span></em></span></span></span></span></span><span><span><span><span><span><span><span>, ossia essere competenti nel proprio ambito professionale; ma è altrettanto vero che per diventare un professionista completo sono essenziali anche quelle che vengono definite </span></span></span></span></span></span></span><span><span><span><span><span><em><span>soft skills</span></em></span></span></span></span></span><span><span><span><span><span><span><span> o </span></span></span></span></span></span></span><span><span><span><span><span><em><span>21st Century Skills</span></em></span></span></span></span></span><span><span><span><span><span><span><span> (competenze trasversali). Fondamentalmente, le competenze trasversali si riferiscono ad attributi,  abilità e comportamenti personali che spesso non ci vengono insegnate durante gli anni della scuola o dell’università.</span></span></span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><span><span><span><span>Ma quali sono e cosa si intende per </span></span></span></span></span></span></span><span><span><span><span><span><em><span>soft skills</span></em></span></span></span></span></span><span><span><span><span><span><span><span>? Non esiste un elenco completo, si tratta di qualità umane e quindi potenzialmente infinite, ma tra quelle più gettonate si possono includere la gentilezza, le buone maniere, l’empatia, l’autonomia, il saper comunicare e l’attitudine al team-work, il problem solving e saper gestire lo stress. Sarà successo a tutti noi di immaginare, ad esempio, di lanciare il nostro laptop fuori dalla finestra durante un meeting o una lezione on-line, ma non averlo fatto vuol dire che abbiamo sviluppato una delle più importanti tra le soft skills!</span></span></span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><span><span><span><span>Lo sviluppo di competenze trasversali è un processo difficile, ma che può essere  migliorato con il sostegno di una buona guida. L'importante è però acquisire la consapevolezza che come per qualsiasi cosa occorre uscire dalla propria </span></span></span></span></span></span></span><span><span><span><span><span><em><span>comfort zone</span></em></span></span></span></span></span><span><span><span><span><span><span><span>. IH Palermo LC da sempre crede che le 21st Century Skills siano molto importanti e si impegna a svilupparle in ognuno dei propri studenti tramite le diverse e numerose attività che i nostri insegnanti mettono in pratica in tutti le nostri classi, siano corsi per <a href="https://ihpalermo.com/YL">young learners</a> o per <a href="https://ihpalermo.com/CorsiOnline">adulti</a>.</span></span></span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><span><span><span><span>Sappiamo bene che la corretta formazione è il primo passo per far sì che i nostri ragazzi si facciano strada nel mondo del lavoro o, se già ne hanno uno, che acquisiscano comunque le competenze necessarie che permettono un </span></span></span></span></span></span></span><span><span><span><span><span><em><span>upgrade</span></em></span></span></span></span></span><span><span><span><span><span><span><span> nella loro carriera!</span></span></span></span></span></span></span></p> <p> </p></div> Thu, 29 Jul 2021 17:13:39 +0000 giuliana 127 at https://ihpalermo.com The Cup Is On The Table https://ihpalermo.com/node/126 <span>The Cup Is On The Table</span> <span><span lang="" about="/user/63" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="">giuliana</span></span> <span>Tue, 07/20/2021 - 18:23</span> <div class="field field--name-field-image-blog field--type-image field--label-hidden field--item"> <img src="/sites/default/files/styles/large/public/2021-07/6.png?itok=09UyTaLc" width="480" height="402" alt="The cup is on the table. Intervista in inglese a Chiesa." typeof="foaf:Image" class="img-responsive" /> </div> <div class="field field--name-body field--type-text-with-summary field--label-hidden field--item"><p><span><span><span><span><span><span>La Nazionale di calcio italiana ha vinto gli Europei e la Coppa </span></span></span></span></span></span><span><span><span><span><em><span>came to Rome</span></em></span></span></span></span><span><span><span><span><span><span>!!</span></span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><span><span><span>Molti i momenti che rimarranno impressi nella memoria dei tifosi più accaniti e non solo. Un momento cui però di solito non siamo abituati è la sorprendente intervista di Chiesa. Ricordate?</span></span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><span><span><span>L'azzurro al termine di Italia-Austria è stato intervistato dalle tv straniere e in molti sono rimasti colpiti dalla sua padronanza della lingua inglese. Dove ha imparato così bene la lingua? In una scuola inglese, ha affermato lo stesso campione! Il video ha fatto il giro del web diventando virale.</span></span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><span><span><span>Il proverbiale </span></span></span></span></span></span><span><span><span><span><em><span>the cat is on the table</span></em></span></span></span></span><span><span><span><span><span><span>? L’inglese maccheronico accompagnato dai gesti che tanto contraddistingue gli italiani all’estero? Ormai tutto questo sta diventando un vecchio ricordo!</span></span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><span><span><span>Imparare bene l’inglese è l’unico modo per non rimanere indietro ed esclusi dal resto del mondo, e Chiesa lo ha capito bene!</span></span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><span><span><span>Così come lo hanno capito tutti gli studenti di International House Palermo LC che scelgono ogni anno i nostri corsi e i nostri insegnanti.</span></span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><span><span><span>Non ci siamo fermati un attimo nemmeno in estate con i nostri corsi </span></span></span></span></span></span><span><span><span><span><em><span>full immersion</span></em></span></span></span></span><span><span><span><span><span><span>. Non perdere l’occasione di iscriverti ai nostri corsi di <a href="https://ihpalermo.com/CorsiOnline">inglese di ottobre</a>, una buona </span></span></span></span></span></span><span><span><span><span><em><span>fluency</span></em></span></span></span></span><span><span><span><span><span><span> in inglese è ormai indispensabile per il percorso scolastico, universitario, lavorativo... e anche nel mondo del pallone!</span></span></span></span></span></span></p> <p> </p></div> Tue, 20 Jul 2021 18:23:02 +0000 giuliana 126 at https://ihpalermo.com 5 modi per fare conversazione fuori dalla classe https://ihpalermo.com <span>5 modi per fare conversazione fuori dalla classe</span> <span><span lang="" about="/user/102" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="">IHPalermoLC</span></span> <span>Thu, 05/20/2021 - 17:26</span> <div class="field field--name-field-image-blog field--type-image field--label-hidden field--item"> <img src="/sites/default/files/styles/large/public/2021-05/5%20modi%20per%20fare%20conversazione%20fuori%20dalla%20classe.jpg?itok=3wwy_azG" width="480" height="480" alt="5 modi per fare conversazione fuori dalla classe" typeof="foaf:Image" class="img-responsive" /> </div> <div class="field field--name-body field--type-text-with-summary field--label-hidden field--item"><p><span><span><span><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>La prima cosa che tutti gli studenti vogliono migliorare in una lingua è sicuramente la conversazione. E per ottenere dei risultati, bisogna ovviamente fare più pratica.<br /> La domanda che agli studenti viene spontanea è “Come posso fare conversazione al di là della lezione se non ho nessuno con cui parlare?”</span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>Ci sono in realtà molti modi per fare pratica di conversazione. Vediamone di seguito alcuni.</span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><strong><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>1.       Trova un partner linguistico</span></span></strong></span></span></span></p> <p><span><span><span><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>Sul web esistono molti siti gratuiti. La cosa interessante è che con internet si può parlare con chiunque, e per farlo non c’è bisogno che gli utenti siano fisicamente nello stesso posto!<br /> Non aspettatevi di trovare il perfetto partner linguistico al primo tentativo, a volte potrebbe infatti capitarvi di trovare qualcuno con cui non vi trovate proprio benissimo, ma non rinunciate subito perché questo strumento può essere di enorme efficacia. </span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><strong><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>2.       <em>Shadowing Technique</em></span></span></strong></span></span></span></p> <p><span><span><span><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>Si realizza quando ascoltate qualcosa e ripetete quello che la voce dice. La cosa migliore da fare è ascoltare dei podcast, ad esempio, e ripetere ad alta voce quello che la voce dice. È una tecnica brillante questa e vi aiuterà molto con la pronuncia e l’intonazione.<br /> Detta così può apparire semplice, ma non lo è. Finirete per stancarvi molto presto, quindi vi suggeriamo di lavorare su una piccola sezione, anche di soli 30 secondi. Provate ad imitare la voce nel miglior modo possibile; se avete a disposizione la trascrizione, sarà ancora più facile. <br /> Se volete essere davvero degli studenti diligenti, registrate la vostra voce quando fate questa attività e confrontatela con quella dello speaker.</span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><strong><span><span>3.       </span></span></strong><strong><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>Parlate con voi stessi</span></span></strong></span></span></span></p> <p><span><span><span><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>Può sembrare strano, è vero, ma resterete sorpresi nel sapere quanti poliglotti abbiano implementato questa tecnica per imparare molte lingue. Se vi trovate in pubblico sarebbe meglio che parlaste tra voi e voi solo nella vostra testa, altrimenti la gente penserà che siate pazzi! ;)<br /> Un’altra cosa interessante che potreste fare è provare a riassumere la vostra giornata raccontandovi le cose che vi sono successe. In questo modo avrete l’occasione di cercare una parola specifica sul vocabolario ed imparare nuovo lessico.</span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><strong><span><span>4.       Leggere ad alta voce</span></span></strong></span></span></span></p> <p><span><span><span><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>È una pratica quanto semplice quanto efficace. La vostra bocca si troverà infatti a produrre delle frasi grammaticalmente corrette che lentamente inizieranno a penetrare nella vostra testa. Questo vi permetterà di capire la grammatica semplicemente perché ‘suona bene’ invece di cercare di richiamare alla mente le regole grammaticali.<br /> Per parlare una lingua straniera, la vostra bocca è costretta a riprodurre suoni che le sono innaturali. Leggendo ad alta voce, continuerete a praticare questi suoni regolarmente e pertanto troverete più naturali riprodurli quando parlerete, dal momento che le vostra bocca avrà avuto più occasioni per praticare questi suoni strani.<br /> Se non vi piace leggere... provate a cantare alcune delle vostre canzoni preferite!</span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><strong><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>5.       Mandate messaggi vocali in inglese ai vostri amici</span></span></strong></span></span></span></p> <p><span><span><span><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>Parlare in inglese con i vostri amici italiani è strano. È un modo efficace per fare pratica ma è strano obiettivamente e può risultare alquanto imbarazzante. Se non trovate questo contesto difficile, allora cimentatevi nel parlare con i vostri amici in inglese.<br /> Se invece questo non vi facesse sentire a vostro agio, inviatevi tra voi dei messaggi vocali. Potrebbe risultare molto divertente e vi evita un po’ di imbarazzo, dal momento che non sarete nello stesso posto quando vi troverete a farlo.</span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><strong><span><span>Riflessioni</span></span></strong></span></span></span></p> <p><span><span><span><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>Ovviamente non dovete usare necessariamente tutti questi metodi (sebbene non ci sia nulla di sbagliato nel farlo), provateli però tutti e poi scegliete quelli che vi piacciono di più.<br /> Ricordate, nessuno di questi metodi è semplice e vi richiederà pertanto uno sforzo in più. Vi sembreranno tutti strani all’inizio, ma non mollate e andate avanti. Se desiderate un risultato efficace (migliorare la vostra produzione orale) avrete bisogno di un’azione altrettanto efficace! ;)</span></span></span></span></span></p></div> Thu, 20 May 2021 17:26:01 +0000 IHPalermoLC 125 at https://ihpalermo.com Il lato divertente dell'inglese https://ihpalermo.com/il%20lato%20divertente%20dell%27inglese <span>Il lato divertente dell&#039;inglese</span> <span><span lang="" about="/user/102" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="">IHPalermoLC</span></span> <span>Thu, 04/29/2021 - 17:24</span> <div class="field field--name-field-image-blog field--type-image field--label-hidden field--item"> <img src="/sites/default/files/styles/large/public/2021-04/il%20lato%20divertente%20dell%27inglese.jpg?itok=ebbXzzHc" width="473" height="480" alt="il lato divertente dell&#039;inglese" typeof="foaf:Image" class="img-responsive" /> </div> <div class="field field--name-body field--type-text-with-summary field--label-hidden field--item"><p><span><span><span><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>Studiare l’inglese (o qualsiasi altra lingua) può a volte risultare stancante. Tutti noi abbiamo dei punti deboli quando impariamo una lingua e pensiamo di non farcela, ci sono regole grammaticali che sembrano impossibili da capire, parole che sembrano impossibili da pronunciare e tanti altri aspetti linguistici che incutono timore.<br /> Abbiamo quindi pensato di dare oggi uno sguardo alla parte ‘divertente’ dell’inglese, per mostrarvi che esiste anche un lato simpatico della lingua! Ci sono tanti aspetti che riguardano la lingua che sono legati alla sua grammatica e a tanto altro ancora, provate a ricordarne qualcuno in modo da impressionare i vostri amici la prossima volta!</span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><strong><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>1.</span></span></strong><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span> Ci sono frasi note come ‘pangrammi’ che contengono TUTTE ma proprio tutte le lettere dell’alfabeto. Eccone di seguito un esempio: <em>pack my box with five dozen liquor jugs</em>.</span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><strong><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>2.</span></span></strong><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span> Se un giorno siete sfaccendati, scrivete tutti i numeri in inglese (<em>one</em>, <em>two</em>, <em>three</em>, <em>four</em>, <em>five</em> ecc.) e noterete che non userete mai la lettera ‘b’ fino a quando non dovrete scrivere ‘<em>billion’</em>!</span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><strong><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>3.</span></span></strong><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span> In molti Paesi l’inglese è la lingua ufficiale, ma sono di più le persone che parlano l’inglese come seconda lingua che i madrelingua stessi.</span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><strong><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>4.</span></span></strong><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span> Se qualcuno possiede un lessico notevole in inglese è perché molto probabilmente legge libri di fantasia. I libri di fantasia, infatti, contengono un lessico più ampio di quello contenuto in tutti gli altri libri.</span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><strong><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>5.</span></span></strong><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span> La parola ‘lol’ NON significa ‘<em>lots of love</em>’, significa ‘<em>laugh out loud</em>’ ed è stata aggiunta al dizionario nel 2011.</span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><strong><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>6.</span></span></strong><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span> Alcune parole NON POSSONO essere usate al singolare, per esempio: <em>jeans</em> (non possiamo dire ‘one jean’).</span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><strong><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>7.</span></span></strong><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span> In inglese ci sono 170.000 parole ma un madrelingua ne conosce probabilmente solo 20,000 – 35,000 circa.</span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><strong><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>8.</span></span></strong><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span> Molti studenti lamentano che ci sono parole che hanno numerosi e diversi significati, ma la parola con i significati più disparati è la parola <em>set</em>.</span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><strong><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>9.</span></span></strong><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span> William Shakespeare ha aggiunto più di 1500 parole al vocabolario inglese come <em>bedazzled</em> (impressionare qualcuno fortemente).</span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><strong><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>10.</span></span></strong><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span> “Go!” è la frase più corta che si può definire grammaticalmente corretta in inglese. È l’imperativo del verbo <em>to go</em>.</span></span></span></span></span></p></div> Thu, 29 Apr 2021 17:24:33 +0000 IHPalermoLC 123 at https://ihpalermo.com Lifelong Learning https://ihpalermo.com/node/120 <span>Lifelong Learning</span> <span><span lang="" about="/user/1" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="" content="m.faldetta@ihpalermo.it">m.faldetta@ihp…</span></span> <span>Wed, 04/07/2021 - 18:19</span> <div class="field field--name-field-image-blog field--type-image field--label-hidden field--item"> <img src="/sites/default/files/styles/large/public/2021-04/LLLearning.png?itok=1x3EV0tS" width="320" height="320" alt="Lifelong Learning - Blogpost" typeof="foaf:Image" class="img-responsive" /> </div> <div class="field field--name-body field--type-text-with-summary field--label-hidden field--item"><p><span><span><span><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span><span>L'apprendimento permanente</span></span></span><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span><span> mira all’accrescimento del proprio bagaglio di competenze e conoscenze. Il processo </span></span></span><em><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span><span><span>si sviluppa</span></span></span></span></em> <span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span><span>lungo l’intero</span></span></span> <span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span><span>arco della vita</span></span></span><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span><span> ed</span></span></span> <span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span><span>è un must per rimanere</span></span></span> <span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span><span>aggiornati e competitivi nell’attuale società la cui innovazione cambia con ritmi vertiginosi. Occorre essere consapevoli sia del come si impara, ma anche di ciò che si impara.</span></span></span> </span></span></span></p> <p><span><span><span><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span><span>L</span></span></span><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span><span>'apprendimento permanente (<em>lifelong learning</em>), deve essere</span></span></span> <span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span><span>gestito in modo</span></span></span><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span><span> attivo; flessibile; dinamico,</span></span></span> <span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span><span>produttivo, durevole e stabile. </span></span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span><span>Adottare il <em>Lifelong Learning</em></span></span></span></span></span></span></p> <ul><li><span><span><span><em><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span><span>consente di evolvere ad uno stadio più avanzato;</span></span></span></em></span></span></span></li> <li><span><span><span><em><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span><span>modifica e/o</span></span></span></em><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span> rimuove</span></span><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span> ciò che sappiamo; </span></span></span></span></span></li> <li><span><span><span><em><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span><span>comprende ogni tipo di </span></span></span></em><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>istruzione formale (es. scuola, università),non formale (ad es. certificati  linguistici, informatici, ecc.) e informale (es. </span></span><span><span>YouTube). </span></span></span></span></span></li> <li><span><span><span><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>permette un migliore adattamento ai futuri ambienti di lavoro.</span></span> </span></span></span></li> </ul><p><span><span><span><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>Se, ad esempio, hai imparato l’inglese con diversi corsi fino a conseguire il livello C1, questo livello non rimane immutato nel tempo se si smette di usarlo. è necessario mantenere, consolidare, aggiornare o</span></span> <span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>sviluppare nuove competenze</span></span> <span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>per esigenze culturali, di sviluppo professionale, lavorativo o altro.</span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>Insomma, seguendo un proverbio cinese: <em>“Imparare è come remare controcorrente: se smetti, torni indietro”.</em></span></span></span></span></span></p></div> Wed, 07 Apr 2021 18:19:05 +0000 m.faldetta@ihpalermo.it 120 at https://ihpalermo.com 10 Falsi amici che NON sapevi esistessero tra italiano ed inglese https://ihpalermo.com/10%20Falsi%20amici%20che%20NON%20sapevi%20esistessero%20tra%20italiano%20ed%20inglese <span>10 Falsi amici che NON sapevi esistessero tra italiano ed inglese</span> <span><span lang="" about="/user/102" typeof="schema:Person" property="schema:name" datatype="">IHPalermoLC</span></span> <span>Thu, 04/01/2021 - 17:33</span> <div class="field field--name-field-image-blog field--type-image field--label-hidden field--item"> <img src="/sites/default/files/styles/large/public/2021-04/10%20Falsi%20amici%20che%20NON%20sapevi%20esistessero%20tra%20italiano%20ed%20inglese.png?itok=SaVD2NkV" width="479" height="480" alt="10 Falsi amici che NON sapevi esistessero tra italiano ed inglese" typeof="foaf:Image" class="img-responsive" /> </div> <div class="field field--name-body field--type-text-with-summary field--label-hidden field--item"><p><span><span><span><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>Imparare una lingua straniera è sempre difficile, ma è anche molto PIÙ difficile quando vedete parole che sembrano LE STESSE nella vostra lingua ma il significato è DIVERSO. </span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>Si chiamano ‘falsi amici’ e ce ne sono molti tra italiano e inglese. Ce ne sono alcuni più “famosi”, come ‘parenti’ che NON si traduce come ‘parents’ ma come ‘relatives’ – siamo sicuri che questo lo sapevate! </span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>Ad ogni modo, NON TUTTI questi ‘falsi amici’ sono altrettanto noti. Da insegnante d’inglese in Italia, mi capita di sentire molti di questi errori OGNI GIORNO, ecco dunque una lista di parole per aiutavi ad EVITARE probabili errori! </span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><strong><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>1 'Attualmente' NON SI TRADUCE CON 'actually'</span></span></strong><br /><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>Quando conosco degli studenti nuovi, spesso gli chiedo che lavoro fanno e molto spesso mi sento rispondere “I’m an architect, but actually I’m studying for an exam”. Questa frase in inglese non ha alcun senso perché la traduzione inglese di ‘attualmente’ è ‘currently’. </span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>In inglese, ‘actually’ significa ‘in realta’. </span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><strong><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>2 'Educato' NON SI TRADUCE CON ‘educated’</span></span></strong><br /><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>Questo è un po’ più difficile, perché ‘educated’ è simile a ‘educato’ ma NON significa la stessa cosa! In inglese, essere ‘educated’ significa aver frequentato la scuola e l’università, ma capita talvolta che le persone che sono ‘educated’ non conoscono le buone maniere e pertanto non sono ‘educati’. </span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>L’esatta traduzione di ‘educato’ è ‘polite’. </span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><strong><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>3 'Pretendere' NON SI TRADUCE CON ‘to pretend’</span></span></strong><br /><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>Questo è sicuramente l’errore PIÙ COMUNE della lista! E anche il più frequente a tutti i livelli, dal principiante all’avanzato. A differenza della maggior parte degli esempi presenti in questa lista, queste due parole hanno significati COMPLETAMENTE DIVERSI!<br /> In inglese ‘pretendere’ si traduce con ‘to demand’, ad esempio: ‘I demand that you give me your homework!’. </span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>Ad ogni modo, la traduzione italiana di ‘pretend’ è ‘fare finta’… significati diversi, come dicevamo! </span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><strong><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>4 'Libreria' NON SI TRADUCE CON ‘library’</span></span></strong><br /><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>Questo è probabilmente uno degli errori più noti presenti in questa lista, ma è sorprendente come quante persone ci cadano ancora. Molto spesso gli studenti si autocorreggono e subito dopo dicono ‘I bought the book from the library… oh sorry I mean bookshop!’. </span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>Come probabilmente sapete, la traduzione italiana di ‘library’ è ‘biblioteca’. </span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><strong><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>5 ‘Sensibile’ NON SI TRADUCE CON ‘sensible’</span></span></strong><br /><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>Del tutto simile alla n. 3 della nostra lista, è un errore MOLTO COMUNE e a TUTTI i livelli. In inglese, ‘sensible’ è sinonimo di ‘practical’. Lo usiamo per descrivere persone, soprattutto bambini che sono spesso maturi e non dicono cose stupide. In questo contesto è più vicino a ‘responsible’.<br /> Lo usiamo anche per descrivere scelte. Ad esempio, se decidete di studiare una lingua e dovete scegliere tra spagnolo e svedese, lo spagnolo sarebbe probabilmente la scelta più “sensible” dal momento che è parlato in molti paesi. In questo esempio è simile a ‘practical’. </span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>In inglese ‘sensibile’ si traduce con ‘sensitive’. </span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><strong><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>6 ‘Largo’ NON SI TRADUCE CON ‘large’</span></span></strong><br /><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>Altro errore molto comune. Molti non sanno nemmeno come si dice ‘largo’ in inglese; ma non preoccupatevi perchè lo scoprirete qui sotto! </span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>La forma corretta per ‘largo’ è ‘wide’, ‘large’ significa ‘grande’. È vero, sono simili, ma ancora una volta, il loro significato è diverso. Ad esempio, una stanza può essere <em>wide</em>, ma non significa che sia necessariamente <em>large</em>… e viceversa! </span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><strong><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>7 ‘Lettura’ NON SI TRADUCE CON ‘lecture’</span></span></strong></span></span></span><br /><span><span><span><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>Questo errore è molto meno frequente, anche perché la parola ‘lecture’ non è così comune in inglese. E proprio per questo, non sono molti quelli che conoscono il vero significato di ‘lecture’. In inglese, una <em>lecture</em> è di solito una lezione universitaria. Per cui se volete parlare di lezioni universitarie dovete usare ‘lecture’ e non ‘lesson’!<br /> In inglese inoltre si usa la parola ‘lecture’ quando qualcuno vi fa la ramanzina, soprattutto i vostri genitori. </span></span><span lang="EN-US" xml:lang="EN-US" xml:lang="EN-US"><span>Ad esempio, “my mum gave me a long lecture about how I should keep my room tidy”. </span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>La traduzione italiana di ‘lettura’ in inglese è ‘reading’. </span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><strong><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>8 ‘Finalmente’ NON SI TRADUCE CON ‘finally’</span></span></strong><br /><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>I significati sono simili ma, come gli altri esempi precedenti, NON significano la stessa cosa – in particolare quando sono usati con un’esclamazione. La traduzione inglese dell’italiano ‘finalmente!’ è ‘about time!’. </span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>La traduzione italiana corretta di ‘finally’ è ‘alla fine’. </span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><strong><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>9 </span></span></strong></span></span></span><strong><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span><span>Discussione’ <a>NON SI TRADUCE (sempre) CON </a>‘discussion’</span></span></span></strong><br /><span><span><span><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>I significati di queste due parole QUALCHE VOLTA coincidono. In italiano questa parola viene usata anche con il significato di ‘litigio’, mentre in inglese ‘discussion’ si usa quando si parla di un argomento specifico, ad esempio: “during our English lessons we discussed politics”, il che NON significa che ne è venuto fuori un litigio, ma semplicemente che ne abbiamo parlato e abbiamo scambiato opinioni”. </span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>L’esatta traduzione inglese di ‘discussione’ intesa come litigio è ‘argument’. </span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><strong><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>10 ‘Confidenza’ NON SI TRADUCE (sempre) CON ‘confidence’.</span></span></strong><br /><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>Così come al punto 9, il significato di queste parole cambia in base al contesto. </span></span><span lang="EN-US" xml:lang="EN-US" xml:lang="EN-US"><span>In inglese non ha molto senso dire “I have a lot of confidence with my teacher”. </span></span><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>Quando la parola è usata in questo contesto, non esiste una traduzione diretta per la parola ‘confidenza’. </span></span><span lang="EN-US" xml:lang="EN-US" xml:lang="EN-US"><span>La forma corretta è invece “I have a good relationship with my teacher”. </span></span></span></span></span></p> <p><span><span><span><strong><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>Conclusione</span></span></strong><br /><span lang="IT" xml:lang="IT" xml:lang="IT"><span>Gli errori fanno parte del processo di apprendimento di una lingua, ed il modo migliore per imparare è fare più errori possibili, quindi non abbiate paura nel farli! Speriamo, comunque, che questo articolo vi preservi almeno dal farne alcuni! ;) </span></span></span></span></span></p></div> Thu, 01 Apr 2021 17:33:51 +0000 IHPalermoLC 119 at https://ihpalermo.com